Custom Search 1

Itri - Formia Calcio: Grandi gol, giocate ed errori difensivi, fa tutto il Formia (Cronaca del Match)

image alt
26/03/2017

ITRI: Micci, Zaffino (21’ st Schiano), Marciano G., Foti, Mastroianni, Villacaro, Dumitru (14’ st Volante), Lubrano, Marciano A., Rossini, Simeri (36’ st Truppo).

A disp.: Fiorenza, Fiore, De Santis, Verrecchia. All.: Palladino.

 

FORMIA: Scognamiglio, Carginale, Senzio, Volpe, Vitale (7’ pt Baleotto), Castiglione, Avallone (16’ st Cavezza), Leccese, Zaccaro, Maggino (28’ st Centra), Sellitti.

A disp.: De Bonis, Scariati, Di Florio, Casillo. All.: Rosolino.

 

Arbitro: Romaniello di Napoli (Almanza-Abukar)

Reti: 14’ pt Baleotto (F), 23’ pt Marciano A. (I, rig.), 26’ pt Sellitti (F), 44’ pt Simeri (I)

Note: bella giornata di sole, spettatori 300 circa con buona rappresentanza ospite.

 

Ammoniti Rossini (I), Baleotto, Carginale (F); recupero 0’ pt, 4’ st

Una grende prestazione, quella del Formia in quel di Itri. I biancazzurri hanno espresso un gioco veloce e determinato fin dai primi minuti di gioco, con Maggino molto ispirato e Leccese a dettare i tempi in maniera chirurgica, assieme ad un supersonico Avallone e ad un attentissimo Castiglione, possono aggiudicarsi la palma dei migliori in campo. Pronti via, ed è subito il Formia ad imporre il proprio gioco a fronte di un Itri molto contratto. Ci prova subito Maggino, ma Micci è attento e blocca. Al minuto 10 deve lasciare la partita Vitale per una distrosione alla caviglia al suo posto Baleotto. Dopo varie incorsioni sulle fasce molto pericolose con Sellitti a destra e Avallone a sinistra, al 14esimo i biancazzurri passano in vantaggio. Sul calcio d'angolo di Leccese è proprio il neoentrato Baleotto (in foto) a mettere di testa la palla in rete alle spalle di Micci, per lo 0 a 1. Il Formia continua ad attaccara con Maggino e Zaccaro che provano scambi, con tocchi di ben altre categorie. Ma quando sembra che il Formia possa raddoppiare, arriva la prima disattenzione difensiva, con Senzio che sbaglia un disimpegno e manda Rossini dritto da solo in porta. Carginale è costretto a fare fallo ed è rigore. Marciano trasforma per un 1 a 1, regalato. Ma il Formia è in partita e si vede, perchè continua a giocare sempre di prima ed in velocità, tanto che quel gol nell'aria già sullo 0 a 1, arriva al 26esimo con Maggino che salta tre avversari e si accentra al limite dell'area di rigore, finta il tiro di sinistro e sorprende tutti con un assist spettacolare e perfetto che pesca Sellitti davanti a Micci, il numero 11 biancazzurro non sbaglia ed è 1 a 2, tra gli applausi del pubblico. Il Formia vuole chiuderla, e continua il suo forcing, ci prova Senzio ma trova Micci, poi ci riprovano Sellitti, Zaccaro e Maggino. Ma ecco arrivare il secondo regalo all'Itri, con un altro svarione difensivo a tempo praticamente scaduto. Troppa libertà a Rossini sulla destra, nessuno va a chiudere ed in mezzo a tre passa un pallone che carambola sulla schiena di Carginale e finisce fortunosamente sui piedi di Simeri, che da solo, appoggia in rete il 2 a 2. Secondo gol regalato, che sancisce la fine del primo tempo.

Nella ripresa, parte meglio la formazione di casa, che tiene per una decina di minuti il Formia nella propria metà campo. Sui piedi di Rossini capita un buon pallone in area ma è bravissimo Baleotto a togliere la sfera dai piedia al 10 itrano. Poi sarà il Formia a tentare il tutto per tutto fino al 95esimo. Zaccaro si libera di due avversari al limite e fa partire un destro, purtroppo strozzato, che Micci blocca. Poi ci prova Senzio con un gran tiro che Micci spedisce in angolo. Infine il turno di Sellitti che a finalizzare una bella azione, tutta di prima, prova il destro a giro, ma che finisce di poco a lato. Finisce 2 a 2, con i biancazzurri che escono tra gli applausi dei propri supporters.

Un ottimo punto per il Formia, che continua a percorrere in maniera serena la strada per la salvezza matematica, che ora è a un paio di passi. Un punto che purtroppo serve poco all'Itri, visti i risultati di San Cesareo e Unipomezia, che continuano in maniera sorprendente la loro corsa.