Custom Search 1

Troppo Pomezia e poco Formia (Cronaca del Match)

image alt
01/10/2017

FORMIA: Cenerelli D., Carginale, Amitrano, Volpe, Serao (25’ st Pignalosa), De Paola, D’ Alessandro (25’ st Fusciello), Castiglione, Cenerelli S. (38’ st Pernice I.), Mastroianni (41’ pt Sellitti), Brogna (32’ pt Esposito). A disp.: Damiano, Scariati. All.: Pernice G.

 POMEZIA: Morgante, Matarazzo, Gallo, Panella, Baylon (32’ st Tortora F.), Martinelli, Gamboni (1’ st Giannone), Tortora M. (37’ st Bizzaglia), Tajarol (38’ st Ascenzi), Scacchetti (23’ st Prevete), Fanasca. A disp.: Mastella, Morelli. All.: Gagliarducci.

 

Arbitro: Martinelli di Ostia Lido (Aceti-Di Mambro) Reti: 6’ pt Scacchetti, 26’ pt Fanasca, 23’ st Giannone (rig.), 31’ st Tajarol. Note: ammoniti Serao, Volpe, Esposito (F), Matarazzo, Scacchetti (P); recupero 0’ pt, 3’ st

Troppo Pomezia per il Formia, la squadra di Gagliarducci per nomi e qualità sembra essere davvero troppa per tutto il girone B. I 13 gol fatti ed i soli due subiti in 4 partite, rispecchiano la tanta esperienza dei calciatori sia in campo che in panchina protagonisti da sempre nelle categorie superiori, da Tajarol a Scacchetti, Fanasca e Gamboni, alle riserve extralusso come Giannone e Ascenzi.

Pronti via e il Formia messo in campo è una formazione molto diversa da quella vista fin'ora in termini di uomini, la diga creata da Pernice cede già al minuto 6, quando Scacchetti entra in area da sinistra e con un tiro (la sensazione è stata quella che volesse metterla al centro) beffa Cenerelli.

Il Formia prova la reazione giocando la palla e con una serie di fraseggi si affaccia nell'area pomentina ma senza mordere. Al minuto 20' bella azione corale dei biancazzurri, Volpe arriva sul fondo entra in area e la mette in mezzo, il tiro viene ribattuto da un braccio di Gallo. Veementi proteste dei formiani che invocano il calcio di rigore, ma l'arbitro dice che non c'è nulla. Il Formia torna all'attacco al 23esimo il tiro di Cenerelli finisce fuori. Al 26esimo arriva il raddoppio del Pomezia, una disattenzione difensiva consente ai pomentini di avere gioco facile prima a sinistra e poi con un cambio di fronte a destra, palla al centro dove arriva Fanasca ad insaccare. Il Formia accusa sicuramente il colpo, ma continua ad imbastire trame che non portano a niente, mentre il Pomezia pur non rendendosi mai pericoloso porta negli spogliatoi lo 0 a 2.

 

La ripresa si apre con l'ingresso di Sellitti (in foto) e proprio grazie ad una sua invenzione Volpe può andare al tiro ed il pallone esce di un sofiio. Al 55esimo è D'Alessandro a trovarsi il pallone giusto davanti a organte ma spara alto. Al 60esimo la palla buona ce l'ha Cenerelli che va via al proprio marcatore, entra in area ma lascia partire un sinistro debole facile preda di Morgante. Al 63esimo la doccia fredda, stessa identica azione a quella di Capitan Volpe nel primo tempo, solo che il braccio di Serao che tocca il pallone viene considerato da rigore. Dal dischetto va Giannone che fa 0 a 3. Il Formia è ormai alle corde ma non rinuncia ad attaccare al 75esimo è Pignalosa ad avere un ottimo pallone, ma il rigore in movimento, lo butta fuori. Al minuto 80 bomber Tajarol mette la parola fine alla gara, anche se in sospetto fuorigioco, dribbla Cenerelli e fa 0 a 4.